Loading...

Editoriale

Cultura e turismo, l’artigiano c’è

Di Valerio Veronesi, Presidente Cna Bologna

Con questo terzo numero del 2018 della nostra rivista on line “Io l’Impresa Bologna” arriviamo al terzo appuntamento annunciato, ovvero la nascita dello “Speciale Cultura – Made in Italy”, che fa seguito allo “Speciale Cna Community” di febbraio e allo “Speciale 4.0 – Innovazione” di aprile. Cultura e Made in Italy, dopo community e 4.0-innovazione: sono le tre linee sulle quali la nostra associazione si sta impegnando fin dall’assemblea dello scorso anno a Villa Zarri in cui Cna annunciò e pose le basi di questa strategia d’azione.

Cultura e Made in Italy in questo numero. Come vedrete leggendo le prossime pagine certamente cultura nel senso classico del termine: iniziative di Cna Cultura e Creatività come le visite alla Casa di Lucio Dalla e gli eventi culturali di Periferie Creative. Ma cultura in un senso anche molto più ampio, ovvero quello della cultura dell’artigianato, della cultura del fare impresa, della cultura che i mestieri in particolare del Made in Italy sanno portare.

E allora possiamo leggere delle tante iniziative dell’artigianato enogastronomico che a Bologna ha una delle sue capitali mondiali, della cultura della moda, della grande cultura dell’artigianato artistico che ha saputo affascinare di recente il pubblico di Fico con la manifestazione di Cna “Fatto ad Arte”.

Dopo lo Speciale Community e lo Speciale 4.0 Innovazione al via lo Speciale Cultura-Made in Italy

Cultura certamente significa godimento di quanto gli artigiani di questo settore sanno proporre al pubblico. Ma come ormai si è capito anche a livello nazionale, cultura non è solo un privilegio per pochi e solo un costo per la comunità, tutt’altro: la cultura è una delle industrie più attive che l’Italia sta proponendo, una delle più apprezzate a livello mondiale, capace di attrarre persone e capitali. Cna non poteva certo restare fuori da queste dinamiche, considerando la ricchezza di aziende che associa in questi settori, sia come numeri che come qualità.

Ed arriviamo dunque alla sintesi di questo ragionamento, che per Bologna da qualche anno ha una parola chiara: turismo. Sarà stata “Bologna 2000 Capitale della Cultura”, saranno state le rotte bolognesi di Ryan Air, sta di fatto che la nostra città è diventata una conclamata e apprezzata meta turistica tra le più gettonate a livello europeo.

Perché Bologna al turista sa offrire: cultura, arte, enogastromia, moda, come probabilmente poche altre città sanno offrire in Italia. E ci riempie di orgoglio come Cna essere consapevoli che in questi quattro ambiti (cultura, cibo, artistico, moda) le aziende artigiane sono tra le più apprezzate.

Ecco dunque la copertina di questo numero dedicata alla iniziativa di Cna Turismo, le esperienze offerte dagli artigiani e vendute sul portale di AirBnb. Perché se il turismo è una risorsa, Cna e le sue imprese non possono mancare per rendere ancora più ricca l’offerta attrattiva della città, così come della montagna e di tutta l’area metropolitana bolognese.

Per scrivere a Valerio Veronesi ilpresidenterisponde@bo.cna.it

Cultura dell’artigianato, del fare impresa, dei mestieri artistici, moda ed alimentare. Con protagonista assoluto il turismo